rapporto di lavoro

Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

accredito figurativo e riscatto dei periodi di maternitÓ al di fuori del rapporto di lavoro

 

Il Decreto Legislativo n 151/2001, a completamento ed integrazione delle norme giÓ esistenti in materia di tutela e sostegno della maternitÓ e paternitÓ, ha introdotto alcune importanti disposizioni relativamente alla valorizzazione, ai fini del trattamento di quiescenza, dei periodi corrispondenti ai congedi per maternitÓ, per eventi verificatisi al di fuori di qualsiasi rapporto di lavoro.

Dopo aver acquisito il parere dei Ministeri vigilanti, l'INPDAP, con l'informativa n 8 del 28.02.2003, ha diramato le necessarie precisazioni sui criteri operativi per l'applicazione della citata norma.

 

╚ possibile ottenere la valutazione gratuita dei periodi corrispondenti al congedo per maternitÓ (giÓ astensione obbligatoria per maternitÓ di cui all’art. 4 della L. n. 1204/71), al di fuori del rapporto di lavoro, pertanto senza copertura contributiva, mediante l'accredito dei contributi figurativi.

Tali periodi sono considerati utili ai fini della determinazione del diritto e della misura della pensione.

A seguito della nota operativa dell’Inpdap – Direzione Centrale Entrate - n. 17 del 14/12/2009 e alla luce dei pi¨ recenti orientamenti della giurisprudenza, la durata dei periodi da accreditare e riscattare, per maternitÓ verificatesi al di fuori del rapporto di lavoro, sarÓ per tutti i casi quella fissata dagli articoli 25, comma 2, e 35, comma 5, del decreto legislativo n. 151/2001, vale a dire due mesi precedenti e tre mesi successivi al parto, anche per nascite avvenute prima delá 18/01/1972.

 

In generale il riconoscimento potrÓ essere richiesto mediante apposita istanza, debitamente corredata da idonea documentazione probatoria (es. autocertificazione, atto sostitutivo di notorietÓ, certificato di nascita) e in presenza dei seguenti requisiti:

 

> almeno cinque anni di contribuzione, maturata in costanza di rapporto di lavoro

> domanda di accesso a detti benefici in costanza di rapporto di lavoro

 

Le lavoratrici, in servizio all’entrata in vigore del decreto legislativo n. 151/2001 (27 aprile 2001) e in possesso di almeno 5 anni di contribuzione, alle quali in precedenza sono stati riconosciuti mesi 03 e giorni 08 di congedo per maternitÓ al di fuori del rapporto di lavoro, per eventi collocabili temporalmente tra il 04/01/1951 e il 17/01/1972 compreso, sono invitate a presentare nuova richiesta di accredito figurativo, al fine del riconoscimento di complessivi mesi 05 e giorni 01, cosý come disposto dalla recente interpretazione autentica degli articoli 25 e 35 del decreto legislativo 151/2001, tenuto conto che in tale circostanza la data presunta e quella effettiva del parto si considerano coincidenti.

Il Decreto Legislativo n. 151/2001 ha introdotto, altresý, la possibilitÓ di valorizzare anche i periodi corrispondenti all'astensione facoltativa per maternitÓ, al di fuori del rapporto di lavoro, per un periodo non superiore a sei mesi per ciascuna maternitÓ e nel limite massimo di cinque anni complessivi, mediante riscatto oneroso.

Anche in questo caso viene richiesta la maturazione del requisito contributivo di anni cinque di contribuzione.

 

Si ricorda, ancora, che le recenti norme in materia di tutela della maternitÓ e paternitÓ (Legge 903/77 e n. 53/2000) hanno riconosciuto anche al padre lavoratore, in alcune situazioni, il diritto a fruire dei congedi per maternitÓ, pertanto, anche nei loro confronti, pu˛ trovare applicazione la disciplina oggetto della presente circolare.

 

Per la richiesta di accredito figurativo e di riscatto dei predetti periodi, il personale interessato potrÓ usufruire degli appositi moduli Inpdap.

 

L’ufficio sarÓ a disposizione per eventuali chiarimenti in materia.

 

 

 

contatti

area risorse umane e organizzazione

previdenza

tel 041 257 1755

previdenza@iuav.it