Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

chi siamo

 

Il Labcomac –(Laboratorio pilota per la conservazione dei materiali da costruzione) è una sezione scientifica del Laboratorio di Analisi dei Materiali Antichi (Lama) nata nel 2015 come iniziativa cofinanziata dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) nell’ambito del Programma Operativo Regionale (POR) obiettivo Competitività Regionale e Occupazione (CRO), Asse 3 “Ambiente e valorizzazione del territorio”, Linea di intervento 3.2 “Valorizzazione e promozione del patrimonio culturale e naturale”, Azione 3.2.1 “Interventi a favore dell’innovazione e dell’economia della conoscenza nel settore della cultura”.

 

Scopo del Labcomac è svolgere attività di ricerca e di sperimentazione, nonché di servizio per conto di terzi nel campo della conservazione dei materiali da costruzione lapidei (marmi e pietre) e litoidi (laterizi, terrecotte architettoniche, stucchi, affreschi, intonaci, malte). In particolare, Labcomac si occupa della messa a punto e controllo, in laboratorio e in situ, dei prodotti e dei metodi impiegati nei trattamenti di pulitura, consolidamento e protezione di manufatti architettonici e archeologici realizzati con i materiali lapideo-litoidi summenzionati.

 

Tale attività amplia, integra e supporta l’attività di caratterizzazione minero-petrografica, archeometrica, fisica e geochimica da oltre vent’anni in essere presso il laboratorio Lama.

 

La direzione scientifica del Labcomac è del prof. Fabrizio Antonelli, docente di Petrografia applicata per la laurea magistrale in Architettura per il Nuovo e l'Antico e di Georisorse minerarie e applicazioni mineralogico-petrografiche per i beni culturali per la laurea triennale in Architettura Costruzione Conservazione, entrambi svolti presso il Dacc - Dipartimento di Architettura costruzione conservazione. Il personale operante nella sezione laboratoriale si compone di ricercatori, tecnici ed esperti altamente qualificati di formazione scientifica, con competenze nei campi delle Scienze della terra, dell’Archeometria, della Chimica, della Fisica, della Biologia e dell’Architettura.
La struttura si avvale inoltre della collaborazione permanente di esperti esterni allo Iuav nel settore della conservazione e del restauro.