Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

Dottorato in
Architettura, città e design

curriculum

Internazionale di architettura
Villard d’Honnecourt

 

sede

Palazzo Badoer

San Polo 2468

Venezia

 

informazioni

041 257 1426/1845/1865/1886/1787

infodottorati@iuav.it

 

coordinatore

Giuseppe Ciorra, Università di Camerino

 

sedi consorziate

Ecole Nationale Supérieure d’Architecture de Paris-Belleville (Francia)

Technische Universiteit Delft (Olanda)

Universidad de Sevilla (Spagna)

 

bando: uscita triennale

 

consiglio di curriculum

Aldo Aymonino (Iuav), Pippo Ciorra (Università di Camerino), Fernanda De Maio (Iuav), Alberto Ferlenga (Iuav), Sara Marini (Iuav), Enrico Fontanari (Iuav), Carmen Andriani (Università di Genova) Giovanni Corbellini (Università di Trieste), Marco D’Annuntiis (Università di Camerino), Mosè Ricci (Università di Trento), Tom Avermaete (Technische Universiteit Delft), Robertino Cavallo (Technische Universiteit Delft), Virginie Picon-Lefebvre (Ecole Nationale Supérieure d'Architecture de Paris-Belleville), Antonio Tejedor (Universidad de Sevilla), Carlos Garcia Vázquez (Universidad de Sevilla).

 

dottorandi

Luca Di Lorenzo, Piero Medici, Stavros Kousoulas

 

PRESENTAZIONE

 

Il curriculum internazionale Villard de Honnecourt (in convenzione con la Technische Universiteit Delft, L’Ecole Nationale Supérieure d’Architecture de Paris-Belleville  e l’Universidad de Sevilla) intende proseguire ed affinare il percorso maturato nel corso dei primi tre cicli del dottorato internazionale di architettura Villard de Honnecourt. Le università coinvolte, tramite i docenti che parteciperanno alle attività del curriculum saranno impegnate nella gestione dell’avanzamento di un programma di ricerca che ha scelto di porre al centro dell’attenzione il tema dell’identità europea. L’argomento viene indagato da un punto di vista territoriale, urbano, culturale e architettonico legato alla civiltà urbana occidentale. Allo steso tempo le ricerche affrontano anche il tema dal punto di vista dei suoi rapporti con i fenomeni relativi all’architettura e alla città in altre regioni del mondo e in altre fasi della modernità. In particolare, saranno oggetto di indagine le trasformazioni territoriali più recenti, le loro implicazioni di ordine formale, i loro rapporti con una cultura architettonica dotata di antica tradizione, le implicazioni che fenomeni come il turismo, le infrastrutture, la riconversione di aree obsolete, le estensioni residenziali, i cambiamenti economico-sociali hanno su di un paesaggio europeo in fase di radicale cambiamento. Particolare attenzione sarà rivolta al rapporto tra trasformazioni transnazionali e specificità locali e al ruolo che un’architettura attenta al contesto in cui si colloca può ricoprire nel vivo di questi fenomeni. Da questo punto di vista il curriculum VDH tende a configurarsi, al tempo stesso, come un osservatorio e come un ambito di ricerca sovra-nazionale il cui ruolo consiste principalmente nel promuovere il confronto tra strutture di ricerca differenti, nel trovare linguaggi comuni atti a decifrare la complessità territoriale europea e nel formare ricercatori-architetti destinati ad intervenire con una preparazione, consapevole, specifica e articolata nei processi di interpretazione e di trasformazione in atto in gran parte del Continente.

 

 

 

 

vedi anche
materiali