Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

POR FESR 2014-2020

 

La Regione Veneto ha individuato la dotazione degli assi prioritari in cui verranno suddivise le risorse totali del POR – FESR 2014-2020: quasi 600 milioni di euro, aumentati rispetto ai 450 milioni della programmazione 2007-2013.

Le risorse sono destinate a sette Assi prioritari. Quello maggiormente finanziato è il 3, “Competitività delle PMI”, con oltre 160 milioni di euro, di cui 50 destinati al turismo. A seguire, l’Asse 1, “Ricerca, Sviluppo tecnologico e innovazione”, per una dotazione finanziaria pari a 103 milioni di euro. Per l’attuazione dell’“Agenda digitale” del Veneto (Asse 2) sono allocati 68 milioni, mentre per la transizione verso un’economia sostenibile e all’efficienza energetica (Asse 4) oltre 94 milioni; agli interventi per la messa in sicurezza rispetto al rischio sismico e idraulico (Asse 5) sono destinati circa 46 milioni di euro.

A questi Assi va aggiunto quello dello “Sviluppo Urbano Sostenibile” (SUS), che include azioni diversificate per lo sviluppo delle aree urbane, dalla mobilità sostenibile alla salvaguardia delle attività commerciali, dal potenziamento dei servizi di e-government per cittadini e imprese alla valorizzazione del patrimonio pubblico per la residenzialità e gli alloggi, soprattutto per le famiglie. A questo asse sono destinati circa più di 86 milioni di euro. Infine, all’Asse “Capacità amministrativa e istituzionale” sono riservati oltre 14 milioni di euro.

 

Nella cornice del POR FESR 2014-2020 è stata elaborata la Strategia di Ricerca e Innovazione per la Smart Specialisation della Regione. Attraverso questa strumentazione, la Regione intende sviluppare sistemi d’innovazione regionali in grado di supportare e valorizzare gli ambiti produttivi di eccellenza.

La Regione, sulla base dello studio effettuato sul tessuto produttivo regionale, sui mercati attuali e potenziali, sulle eccellenze scientifiche e tecnologiche e sul potenziale innovativo, ha individuato 4 aree di specializzazione su cui puntare:

> Agrifood

> Smart Manifacturing

> Sustainable Living

> Creatività

 

Reti Innovative regionali (Legge regionale n. 13/2014)

In questo contesto, la costituzione di reti innovative regionali assume un ruolo fondamentale sia per lo sviluppo economico in senso stretto sia per l’adozione, sulla base del riconoscimento, di conseguenti politiche mirate da parte della Regione per lo sviluppo.

 

Il trasferimento tecnologico

Il tema del trasferimento tecnologico è sostenuto da bandi che riguarderanno:

1. L’inserimento di ricercatori presso le imprese;

2. L’acquisizione di servizi innovativi da parte dell’impresa presso i centri di ricerca;

3. Supporto alla creazione di spin off e start up

4. Reti innovative e distretti.

Per la linea 1 sono previsti 18.000.000 € per bandi a sportello per relative a innovazione di prodotto e design.

Per la linea 2 è prevista l’adozione di voucher per l’acquisizione dei servizi, quindi l’iscrizione alla piattaforma innoveneto.org è vincolante. I voucher sono finalizzati all’acquisto di servizi da parte dell’impresa. L’impresa fa domanda e individua il fornitore su Innoveneto.org. Le imprese valutano anche la prestazione erogata dal fornitore. Nello spazio di una decina di giorni la Regione Veneto risponde. Il voucher si caratterizza per la modica entità. I voucher sono tra loro cumulabili. La procedura prevede 4 fasi: presentazione della domanda dell’azienda, individuazione e presentazione della progettualità, approvazione da parte della Regione, liquidazione del voucher all’impresa e al fornitore.

Per la linea 3 sono previsti 18.000.000 € per sostenere la fase di costituzione e accelerazione di spin off e start up. E’ possibile nell’ambito dei bandi su indicati finanziare i costi sostenuti da spin off e start up non ancora costituiti, nella fase preliminare oppure finanziare i costi fissi di spin off e start up già costituiti in fase di accelerazione.

Per la linea 4 sono previsti 70.000.000 € per aggregazioni e distretti industriali sull’Asse 3 e sull’Asse 1. Nei distretti il soggetto ha una funzione di rappresentanza mentre nelle reti è soggetto attivo di governance (www.venetoclusters.it)

 

vai al sito della Regione del Veneto >>

 

 

contatti >>