G-H

Franco Laner è nato a Cortina d’Ampezzo (Bl) il 21 luglio 1941. Si laurea in architettura a Venezia nel 1969.

Dal 1974 insegna all’Università IUAV di Venezia. È professore ordinario di Tecnologia dell’architettura e afferisce al DCA (dipartimento di costruzione dell’architettura). La sua attività di ricerca riguarda la storia della tecnologia, i sistemi costruttivi antisismici, la sperimentazione di materiali edili, in particolare legno e laterizio, in quanto è sperimentatore del Laboratorio Ufficiale Prove sui Materiali. In particolare per il Laboratorio Prove dell’Università Iuav segue il controllo di  qualità e certificazione di manufatti di calcestruzzo, laterizio, legno e legno lamellare, oggetto di convenzione con ditte nazionali.

È stato direttore della rivista “Adrastea” sulle tecnologie del legno e legno  lamellare. Ha fatto per vent’anni parte del Comitato di Redazione della rivista “Costruire in  laterizio” ed attualmente fa parte del Comitato scientifico della rivista “L’Edilizia”, Recuperare l’Edilizia, Chiesa oggi, Area Legno. È membro della SC 5 dell’UNI (strutture in legno) e della SC 10 (murature). È stato presidente del Consiglio scientifico dell’Istituto per la Tecnologia del Legno del CNR di S. Michele all’Adige (Tn) dal 1998 al 2002.  

 

Principali pubblicazioni:

- I secoli bui del terremoto, (con U. Barbisan) F. Angeli, Milano 1986;

- La chiglia rovesciata, (con S. de Götzen) F. Angeli, Milano 1988;

- Il limite della dispersione, F. Angeli, Milano 1993;

- I solai in legno: soluzioni tradizionali, elementi innovativi, esempi di dimensionamento, (con U. Barbisan) F. Angeli, Milano 1995;

- Capriate e tetti in legno. Progetto e recupero: tipologie, esempi di dimensionamento, particolari costruttivi, criteri e tecnologie per il recupero, manti di copertura, (con U. Barbisan) F. Angeli, Milano 2000;

- Murature faccia a vista, F. Angeli, Milano 1996;

- Accabadora, tecnologia delle costruzioni nuragiche, F. Angeli, Milano 1999;

- Capire le fessure nel legno strutturale, Legnoindustria 2003;

- Diagnostica delle strutture lignee, Flap edizioni, Mestre 2005;

- Durabilità e manutenzione delle costruzioni di legno, Promo_legno, 2005.

 

Realizzazioni

Palazzetto polifunzionale di S. Paolo D’Argon (Bg), la palestra della Forestale ad Auronzo (Bl, 1992), le porte delle chiuse sull’Adda a Paderno, progetti di recupero dell’ex ospedale di Pontremoli (Ms, 1988), Villa Marchi a Marano (1995).

Ha eseguito le calcolazioni di verifica delle strutture lignee delle tese della Celestia dell’Arsenale di Venezia (1994-95), per il concorso di ricostruzione del Teatro “La Fenice” con Aldo Rossi (1997-2001, progetto vincitore) e del Complesso di S. Ambrogio (Fi, 1997), delle coperture lignee della nuova sede dell’Università di Napoli a Caserta (1998), delle partizioni lignee del Palazzo dei Capitani a Malcesine (1998), della copertura in legno lamellare del palazzetto polifunzionale di Bovolone (Vr, 2000) e del consolidamento delle strutture lignee di parte del complesso Benedettino a Legnaro (Pd, 1999). Ha testé concluso (2001) la progettazione esecutiva, con l’arch. G. Brusati, di una passerella in legno lamellare di 120 m di lunghezza con un appoggio intermedio a Cesena dello studio Gregotti.

Per la Soprindendenza BB.AA.AA. di Bari ha in corso l’incarico di consulenza per il recupero dell’ex capannone Montecatini a Brindisi, mentre per il Comune di Ozieri (SS) ha progettato e diretto i lavori del Museo di Arte Sacra nell’ex Seminario di Ozieri (2001-2003).