Venezia, 27 novembre 2015

 

COMUNICATO STAMPA

 

Superare gli esami di stato: allo Iuav una nuova opportunitÓ

Alla firma martedý 1 dicembre una convenzione tra Iuav e gli Ordini Professionali del Veneto che definisce il nuovo tirocinio professionale sostitutivo della prima prova dell’esame di stato

 

 

il primo, grande ostacolo che ogni aspirante architetto o urbanista  incontra dopo la tesi. Ed Ŕ frequente che ci si trovi ad affrontarlo pi¨ volte. Ma Ŕ indispensabile superare lEsame di Stato, se si vuole accedere alla carriera ed entrare nel circuito professionale.

In particolare, la prima prova pratica richiede ai neolaureati un impegno molto concentrato: otto ore di tempo per mettere sulla carta un progetto architettonico, o urbanistico, o di recupero edilizio.

 

Dalla collaborazione tra Iuav e Ordini Professionali nasce unopportunitÓ alternativa per laccesso allEsame di Stato che non solo renderÓ pi¨ agevole il superamento della prova, ma contribuirÓ in modo efficace a far acquisire al giovane laureato le competenze necessarie alla sua attivitÓ professionale, dandogli lopportunitÓ di costruire da subito un rapporto di collaborazione con le realtÓ del nostro territorio.

Con il tirocinio professionale il neolaureato potrÓ svolgere una pratica professionale accreditata (900 ore distribuite da 6 a 12 mesi), diretta e monitorata da un professionista iscritto allAlbo degli Architetti, condotta secondo un vero e proprio progetto che include numerose competenze, tra le quali gestione del progetto, organizzazione dellattivitÓ professionale, direzione dei lavori in piena e attiva collaborazione con le realtÓ professionali del Veneto.

Svolto secondo i rigorosi criteri condivisi da Iuav con la Federazione regionale degli Ordini degli Architetti del Veneto (Foav), il tirocinio consentirÓ ai giovani laureati di accedere direttamente alla seconda prova dellesame di Stato.

 

Seconda in Italia dopo Firenze, lUniversitÓ Iuav di Venezia offre dunque ai laureati una nuova, importante opportunitÓ, con una particolare attenzione a garantire gli aspetti qualitativi dell'esperienza: per esempio i requisiti di accreditamento dei soggetti che ospiteranno i tirocinanti, la stesura del progetto di tirocinio in relazione alle competenze da sviluppare per lattivitÓ professionale, la presenza di tutor dedicati ad ogni esperienza, la valutazione finale attraverso diario di presenza, portfolio e relazione.

 

La convenzione che regola il tirocinio sarÓ firmata dal rettore Iuav Alberto Ferlenga e dal presidente di Foav Marzio Bottazzi martedý 1 dicembre, alle ore 12, presso il rettorato ai Tolentini.

 

 

Ufficio stampa Iuav

iuavstampa@iuav.it

tel 041.257.1826 / 1414 / 1856