Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

 

 

 

 

 

 

bando relativo alla selezione per la partecipazione

al Seminario Concorso Internazionale di Museografia di “Villa Adriana”

e il “Premio Piranesi_Prix de Rome”

 

26 agosto > 8 settembre 2012

Tivoli, Roma

 

agli studenti dell’Università Iuav di Venezia

che parteciperanno all’intero periodo

potranno essere riconosciuti 4 cfu di tipo “d”

 

presentazione domande entro il 23 luglio 2012

 

 

L’Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia Onlus, in collaborazione con gli enti sottoindicati istituisce la Decima Edizione del “Seminario Concorso Internazionale di Museografia di “Villa Adriana” e contestualmente ad esso il “Premio Piranesi_Prix de Rome”, che si terrà a Villa Adriana e Roma dal 26 agosto all’8 settembre 2012.

 

Il Premio Piranesi_Prix de Rome è intimamente e strutturalmente legato al Seminario Internazionale di Museografia di “Villa Adriana”, e ne costituisce momento propedeutico di formazione e partecipazione.

 

Obbiettivo del Premio è l’alta formazione progettuale riferita all’architettura per l’archeologia ed in particolare alla museografia per l’archeologia e alla scenografia per la valorizzazione dei beni archeologici.

 

La formula del Premio Piranesi_Prix de Rome è quella del concorso ristretto ad una fase, riservato agli studenti e ai giovani architetti, ingegneri e archeologi, partecipanti al Seminario Internazionale di Museografia di Villa Adriana.

 

Il workshop si tiene nello straordinario contesto della residenza monumentale voluta dall’imperatore Adriano e costruita tra il 117 ed il 138 d.C., a ridosso della città di Tivoli.

 

Villa Adriana assume quindi il ruolo di grande e prestigiosa palestra per la sperimentazione del progetto museografico, e per la definizione di una strategia sostenibile e trasmissibile di confronto con le aree archeologiche “ad alto rischio”.

 

 

Accademia adrianea di architettura e archeologia

 

Enti e Istituti

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio

Comune di Roma

Assessorato alle Politiche Culturali e Comunicazione

Soprintendenza ai Beni Culturali

Comune di Tivoli

Assessorato alle Politiche Culturali

Ordine degli Architetti della Provincia di Roma

Fiaba

Fondo Italiano per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche

Pantheon Institute of Rome

 

Scuole

Politecnico di Milano

Facoltà di Architettura e Società

Facoltà di Architettura Civile

Dipartimento di Architettura e Pianificazione

Dipartimento di Progettazione dell’Architettura

Scuola Superiore di Studi Sulla Città e il Territorio

Alma Mater Studiorum - Università Di Bologna

Università degli Studi di Roma “LA SAPIENZA”

Prima Facoltà di Architettura “Ludovico Quaroni”

Università degli Studi di Bologna

Facoltà di Architettura “Aldo Rossi” di Bologna Cesena

Università degli Studi di Firenze

Facoltà di Architettura

Università degli Studi di Genova

Dipartimento di Scienze per L'Architettura

Corso di laurea in Ingegneria Edile/Architettura

Università Politecnica delle Marche

Dipartimento Architettura Rilievo Disegno Urbanistica Storia

Università Iuav di Venezia

Facoltà di Architettura

 

Direzione scientifica e coordinamento

Presidente Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia

Romolo Martemucci

Direttore Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia

Pier Federico Caliari

Direttore del Premio Piranesi

Luca Basso Peressut

Coordinamento e Organizzazione X Edizione

Carola Gentilini e Maria Patti

 

Docenti e tutors

Arnaldo Arnaldi, Marco Andreula, Massimo Bellotti, Alessandro Bianchi, Alessandro Blanco, Marco Borsotti, Alice Bottelli, Francesco  Breganze, Alessandra Carlini, Cristina Casadei, Massimiliano Casavecchia, Silvia Cattiodoro, Paolo Conforti, Michele Di Santis, Lorenzo Degli Esposti, Giovanna Donini, Filippo Fantini, Luisa Ferro, Sergio di Tondo, Francesco Leoni, Carlo Alberto Maggiore, Carolina Martinelli, Mauro Marzo, Barbara Marzuoli, Marina Mattei, Francesca Mollo, Daniele Mondiali, Marialuisa Montanari, Massimiliano Nocchi, Samuele Ossola, Romolo Ottaviani, Daniele Papi, Alessandro Pittini, Paola Porretta, Pier Luigi Salvadeo, Sergio Savini, Valter Scelsi, Luigi Spinelli. Giulio Testori, Stefano Villani, Gianluca Vita.

 

Comitato Scientifico

Benedetta Adembri, Lucio Altarelli, Ignacio Bosch Reig, Marina Sapelli Ragni, Angelo Torricelli, Francisco Juan Vidal, Amedeo Schiattarella.

 

 

La X edizione: un confronto tra Scuole

 

Il patrimonio archeologico sul territorio nazionale è in pericolo. E’ necessario agire per tempo e con competenza. E’ necessario creare una nuova e più articolata offerta di profili professionali e scientifici capaci di collaborare con le Soprintendenze nell’esercizio della tutela e della valorizzazione. E’ necessario formare soggetti sociali capaci di indirizzare risorse a sostegno delle attività di valorizzazione.

 

Dopo nove edizioni del Premio, all’interno dell’Ente banditore si è contestualmente formata la consapevolezza della necessità di una assunzione di responsabilità da parte delle Università nella formazione sia interna che outdoor dei profili necessari ad operare in un settore che ha enormi potenziali di crescita e di sviluppo professionale.

 

L’Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia invita le Università italiane e straniere, attraverso le loro Scuole di specifico indirizzo in architettura, ingegneria e archeologia, e attraverso i loro docenti disciplinarmente interessati, a partecipare alla Xa Edizione del Piranesi Prix de Rome, che intende essere innanzitutto un confronto culturale tra Scuole.

 

Contenuti progettuali

Il teatro, il museo e il brand manager

Il concetto di valorizzazione applicato alla tutela e gestione del patrimonio archeologico è il tema di fondo che anima la consultazione concorsuale, la quale avrà per oggetto due realtà archeologiche di grande importanza: l’Area Archeologica Centrale a Roma (considerata nel suo sviluppo tra le Terme di Caracalla e il Pantheon) e la Villa Adriana a Tivoli.

 

Nell’ultimo decennio molte aree archeologiche in Italia e in Europa sono state oggetto di diverse strategie di intervento legate alla valorizzazione. Strategie, che hanno operato sostanzialmente i due direzioni:

> quella dell’archeologia come contesto scenografico per lo spettacolo (azione teatrale, performance di arte contemporanea, moda, ecc), in chiave di breve durata

> quella della musealizzazione in chiave di lunga durata, basata contemporaneamente sull’accessibilità in sicurezza alle aree e alla copertura degli scavi archeologici.

 

La predisposizione di spazi per lo spettacolo teatrale da individuare e realizzare in contesto archeologico e le coperture per la musealizzazione delle aree archeologiche e di scavo, sono i temi proposti per la consultazione concorsuale.

 

I due temi di progetto, il teatro e il museo, benché sviluppati su aree distinte e, tecnicamente dipendenti da diversi enti di tutela, devono essere immaginati come coordinati da un unico soggetto gestore delle strategie di valorizzazione (Brand Manager), di cui i partecipanti dovranno tratteggiare il profilo identitario mediante un progetto di comunicazione visiva coordinata.

 

I concorrenti si dovranno quindi misurare complessivamente con tre temi di progetto

a. Il Museo. Progetto di musealizzazione e ridisegno urbano, caratterizzato dalla progettazione della copertura di un’area archeologica ben definita nei suoi confini e nella sua consistenza e nel contempo, dello spazio pubblico urbano generato al di sotto e al disopra della copertura stessa.

 

b. Il Teatro. Individuazione e progettazione di uno spazio per lo spettacolo da realizzarsi all’interno di un’area archeologica di grande frequentazione, capace di relazionare la nuova installazione (a carattere temporaneo) con la preesistenza archeologica monumentale e con un testo letterario come guida per la scenografia d’insieme.

 

c. La comunicazione strategica. Caratterizzata da un progetto di comunicazione visiva e di immagine coordinata riferita a tutti i format, statici o dinamici, con cui il Brand Manager comunica in modo strategico con l’ambiente esterno, e con cui tende a definire e rendere specifica presso il pubblico la propria identità e il proprio ruolo sociale.

 

I temi progettuali, nel loro insieme, pongono al centro della riflessione, gli aspetti di relazione tra la realtà dei siti archeologici e i linguaggi dell’architettura e delle arti contemporanee, sviluppati attraverso differenti scale d’intervento (paesaggio archeologico, paesaggio urbano, architettura, interni), e differenti approcci metodologici, che muovono dalla museografia, alla scenografia e all’allestimento di installazioni artistiche, senza dimenticare il necessario abbattimento delle barriere architettoniche finalizzato alla massima accessibilità.

 

 

informazioni generali

 

Partecipazione al Seminario Concorso

La partecipazione al seminario-concorso è aperta a tutti gli studenti laureandi del terzo anno della laurea triennale ed agli studenti del primo e secondo anno della laurea specialistica, nonché ai dottorandi delle seguenti facoltà, italiane degli Stati dell’UE e degli USA: Architettura, Ingegneria, Disegno Industriale, Lettere e Filosofia con indirizzo in Conservazione dei Beni Archeologici, e Corsi di Laurea in Conservazione dei Beni Culturali.

 

È aperta inoltre agli studenti del quarto e quint’anno della laurea quinquennale, e ai giovani architetti, designer e archeologi di età non superiore ai trentacinque anni (fa fede la data annuale di fine Seminario).

 

Per gli studenti della Scuola di Architettura e Società e della Scuola di Architettura Civile, la partecipazione al Premio Piranesi è riconosciuta con 4 CFU.

 

Agli studenti dell’Università Iuav di Venezia che parteciperanno all’intero periodo potranno essere riconosciuti 4 cfu di tipo “d”.

 

Quota di partecipazione e iscrizione

La quota di partecipazione al Seminario - non comprensiva di spese relative a viaggi, alloggio e vitto - è di Euro 320,00.

Il termine utile per l’iscrizioni e il versamento della quota di partecipazione è fissato il 31 Luglio 2012.

La segreteria organizzativa potrà fornire informazioni su alloggi a prezzi convenzionati da poter affittare a Tivoli.

Per quanto concerne gli studenti Iuav alcune informazioni iniziali potranno essere richieste all’arch. Silvia Cattiororo, scrivendo all’indirizzo email: silvia.cattiodoro@gmail.com

 

Premi

È prevista l’assegnazione di nove Premi Piranesi_Prix de Rome (tre per ogni commissione giudicante) più sei menzioni speciali (due per ogni commissione).

 

Ai sei Premi Piranesi sono associate altrettante borse di studio da euro 4.500,00 a copertura del 75% della quota di iscrizione al Master in Museografia, Architettura e Archeologia, istituito presso l’Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia di Roma, con ricorrenza annuale.

 

Alle sei menzioni speciali sono associate sei borse da euro 4.000,00 a copertura del 66% della quota d’iscrizione dello stesso master.

Attestati saranno assegnati a tutti i partecipanti.

 

Segreteria

Info per Coordinamento e Organizzazione

tel_fax 02.87395433

Port. 335.5475910 / 392.9208383

e-mail premio.piranesi@gmail.com

website www.premiopiranesi.net, www.accademiaadrianea.net

 

 

informazioni relative alla partecipazione degli studenti Iuav

 

Chi può partecipare

Gli studenti che potranno partecipare all'iniziativa sono quelli iscritti al terzo anno del corso di Laurea in Scienze dell'Architettura e quelli iscritti alla Magistrale in Architettura dell’Università Iuav di Venezia.

Il numero massimo di studenti ammessi è pari a 25.

 

Come partecipare alla selezione

Per la partecipazione al bando è necessario inviare:

1) copia in pdf di un documento valido di identità.

La selezione e la formazione della relativa graduatoria avverrà in base alla valutazione incrociata dei seguenti elementi di giudizio:

2) portfolio in formato A4, contenente i progetti elaborati in ambito universitario. Il portfolio sarà composto da un massimo di 10 tavole; è necessario indicare le denominazioni dei workshop o corsi frequentati, con particolare riguardo agli esami progettuali, riportando il voto conseguito, il nome del docente e, se trattasi di un lavoro di gruppo, il nome dei colleghi con i quali si è lavorato; è opportuno inoltre evidenziare se alcuni dei progetti elaborati hanno affrontato tematiche relative all'archeologia o alla museografia;
3) certificato degli esami sostenuti e dei voti riportati;

4) breve lettera motivazionale (max 1000 caratteri spazi inclusi) in cui siano spiegate le ragioni del proprio interesse per il seminario;

5) scheda personale, in formato doc, contenente nell'ordine: cognome, nome, corso di laurea frequentato, anno di iscrizione, indirizzo email, cellulare.

I documenti di cui ai precedenti 5 punti andranno impaginati in un unico pdf e inviati entro le ore 23.59 del giorno 23.07.2012 ai seguenti indirizzi email:

silvia.cattiodoro@gmail.com, mauro.marzo@iuav.it, sandropittini@virgilio.it

Commissione giudicatrice

La Commissione sarà composta dai docenti: Silvia Cattiodoro, Mauro Marzo, Sandro Pittini (presidente).

 

Esiti della selezione

I risultati della selezione saranno resi noti mediante pubblicazione sul sito web dell'Università Iuav di Venezia entro il 26 luglio 2012.

Con tutti i selezionati/partecipanti al Seminario sono previsti degli incontri informativi nel mese di luglio le cui date e le sedi di svolgimento verranno indicate tramite posta elettronica.

 

Modalità d’esame e crediti formativi

L’esame si svolgerà con l’esposizione, da parte degli studenti, del lavoro di progetto condotto durante le ore di attività seminariale. Tutti i materiali digitali elaborati andranno consegnati, in file ad alta definizione, su cd per l’archiviazione ed eventuali pubblicazioni.

Agli studenti dell’Università Iuav di Venezia che parteciperanno all’intero periodo potranno essere riconosciuti 4 cfu di tipo “d”.

 

Informazioni relative alla partecipazione degli studenti Iuav

arch. Silvia Cattiodoro

silvia.cattiodoro@gmail.com