Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

Gettoni e rimborso spese

 

Istruzioni

Si fa presente che, in conformità a quanto previsto dagli artt. 1 c. 2 lett. b) e 3 del vigente “Regolamento per la disciplina di procedure comparative per il conferimento di incarichi individuali di collaborazione di natura autonoma” e dal Manuale di Contabilità Iuav approvato dal Consiglio di Amministrazione del 3 dicembre 2013, possono essere conferiti e liquidati gettoni seminariali per un importo massimo di euro 500,00, esclusa IVA ed eventuali oneri a carico del percipiente.

 

Al fine del pagamento deve essere inoltrata presso il servizio master, la seguente documentazione, come da modulistica a lato:

- modulo invito conferenziere (da compilarsi a cura del responsabile dell’iniziativa);

- modulo dati fiscali (da compilare in tutte le sue parti), corredato dalla copia fronte/retro di un documento di identità in corso di validità;

- abstract della relazione

- franchigia inps (se il relatore non ha partita iva).

 

Si ricorda che i relatori italiani (ossia con residenza fiscale in italia) dotati di partita iva dal 31/03/15 sono obbligati ad emettere fatturazione elettronica, i dati per emettere la fattura elettronica:

- IPA IDENTIFICATIVO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE;

- CODICE PARCELLA;

saranno comunicati dagli uffici amministrativi al relatore dopo il ricevimento della documentazione fiscale sopra elencata.

 

Si informa che ai relatori di seminari-conferenze, spetta lo stesso trattamento previsto per i docenti Iuav che si recano in “missione”.

Di seguito i massimali di spesa:

aereo: classe economica, con bording pass;

treno: 1° classe o equivalente:

alloggio: cat. 4 stelle;

pasti: 1 pasto € 30,55 – 2 pasti € 61,10.

I giustificativi di missioni e trasferte vanno prodotti in originale, eccetto nel caso il relatore fatturi la prestazione.

 

Si ricorda che, nel caso in cui venga liquidato un gettone seminariale ad un soggetto che abbia la residenza fiscale all’estero, tra i materiali presenti nella pagina è scaricabile il modello D, predisposto dall’Agenzia delle Entrate – nella versione italiana, inglese e francese – con il quale l’interessato potrà dichiarare di avvalersi della convenzione posta in essere tra l’Italia e il proprio Paese di residenza per evitare la doppia imposizione fiscale.

Al modello D, l’interessato dovrà allegare un certificato, tradotto in italiano, emesso dall’autorità fiscale del Paese di residenza principale, attestante la condizione di residente ai fini fiscali nel medesimo Paese.

L’elenco delle convenzioni bilaterali in vigore tra l’Italia e i singoli Paesi è presente sul sito del Dipartimento delle Finanze del MEF >>

 

Documenti

- autocertificazione >>

- autocertificazione (english)>>

- franchigia inps >>

- modulo invito relatore >>

- modello D – italiano >>

- modello D – inglese >>

- modello D – francese >>

 

 

Per informazioni più dettagliate contattare il  Servizio Master >>