Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

Sketch for Syria

 

 

mostra

17 gennaio > 24 febbraio 2017

Galleria del Rettorato

Tolentini

ore 10.30 > 17.30

inaugurazione

17 gennaio 2017

ore 17

 

a cura di

Jacopo Galli con Luna Rajab

allestimento di

Marco Ballarin, Jacopo Galli

intervengono

Alberto Ferlenga, Benno Albrecht, Monica Centanni, Nohad Haj Salih, Mohamed Amin Al Ahdab

 

 

scarica la cartolina >>

 

rassegna stampa >>

 

153 architetti da 26 paesi hanno risposto alla call for drawings che l’Universitą Iuav di Venezia e  UN–ESCWA hanno lanciato a luglio per raccogliere idee e progetti per la Siria

 

A12 Associati, Ace-Dam, Abdulrahman Adi, Rose Ahmad, Hazar Ahmad, Francisco Aires Mateus, Manuel Aires Mateus, Al Borde Arquitectos, Moumena Albarazi, Benno Albrecht, Hanin Alhalak, Mustafa Alhamwy, Ahed Alkhatib, Zaki Rabia Alkhatib, Diala Alkhoury, Tala Alshami, Roaa Alturek, Massimo Alvisi, Archea, Abdalla Asaad, Felipe Assadi, Hala Asslan, Yehya Al Aswad, Fadi Attoura, Federica Morgia, Giovanna, Giulio e Aldo Aymonino, B22, Babau Bureau, Steve Baer, Ricardo Bak Gordon, Nourhan Al Bakkour, Roland Baldi, Nicola Barbugian, Fabrizio Barozzi, Alia Bassioni, Alejandro Beals - Loreto Lyon, Paolo Belardi, Gaetano Bertolazzi, Federico Buonincontro, Ciro Cirillo, Serena Cominelli, Diana Ēorbaci, Roberto Corradini, Javier Corvalįn, Raffaele Cutillo, Fares Dahabi, Silvia Dainese, Alessandro Dal Corso, Armando Dal Fabbro, Salma Samar Damluji, Brunetto De Battč - Giovanna Santinolli, Lana Diab, Mariam Doghouz, Fernando Dowling, Elton_Léniz Arquitectos, Huda Hamal Ennabeh, Antonio Esposito, Alberto Ferlenga, Marco Ferrari, Emanuele Fidone, Fosbury Architecture, Cherubino Gambardella, Fabrizio Gay, Muhammad Ghanem, Kinda, Maya, Nadine Ghannoum, Abd Al Ghany, Simone Gheduzzi, Sean Godsell, Leonard Grosch Mouhannad Hatem, Įdįm Hatvani, Mohamed Haya, Mohamad Al Henawi, Alfarhattian Houzzam, Gianluca Iannotta, Amer Al Issa, Rebal Jaber, Rama Jber, Rneem Jber, Kristen Jubran, Rim Kalsoum, Victoria Kassar, Driss Kettani, Alaa Al Khatib, La Macchina Studio, Labics, Vincenzo Latina, Josč Ignacio Linazasoro, Jorge Lobos, Loopo Studio, Riccardo Lopes, Josč Lorenzo-Torres, Kevin Mark Low, Guilherme Machado Vaz, Chiara & Carlo Magnani, Shaza Al Manakly, Davide Marazzi, Patrizio Martinelli, Haya Massimi, Giancarlo Mazzanti, Ettore Maria Mazzola, Antonio Monestiroli, Morpurgo & De Curtis, Mohamed Al Mufti, Samira Muhammed - Samer Al Baroudi, Abdulkarim Mustafa, Ghiath Obaidy, Piercarlo Palmarini, Morpho Papanikolaou + Beetroot, Angela Paredes - Ignacio Pedrosa Sergio Pascolo, Nicola Pinazzi, Marco Provinciali, Philippe Rahm, David Raponi, Abdal Razak Dawalibi, Massimiliano Rendina, Elisa Rossini, Kinga Rusin, Gretta Saied, Ahmed Al Salhi, Abdallah Samo, Philippe Samyn, Dania Saoud, Kinda Sati, Ziad Shahet, Hazem Shahrour, Hala Al Shimali, Samia Shkair, Reem Shahadeh, Įlvaro Siza, Souheil Sleiman, Carin Smuts, Southcorner, Studio Albori, Nourhan Sundouk, Jųrgen Bech Taxholm, Carlo Terpolilli, Alessandro Tessari, Anas Tmraz, Emilio Tuńón Įlvarez, Davide Vargas, Riyad Al Wadi, Mohammad Fares Whby, Peter Wilson, Mohammed Zanboua - Tala Sham Eddin, Samar Waleed Zaydan, Samir Abu Zeina

 

Iuav conferma il suo impegno etico che la contraddistingue da sempre.

 

Molte sono state le iniziative Iuav a favore della Siria, proposte nel corso del 2016: l'Omaggio di Venezia a Palmira, dedicato all’archeologo Khaled Al Asaad; il convegno Urbicide Syria / Postwar reconstruction con i massimi esperti internazionali di architettura, arte e archeologia in Siria; la stesura e la condivisione della Carta di Venezia della ricostruzione; e ancora, l’accordo firmato il 14 luglio con UN–ESCWA, l’Agenzia Onu che ha l’incarico della realizzazione dell’ Agenda per la  ricostruzione della Siria.

 

Proprio a seguito di quell’accordo č nato il progetto “Sketch for Syria”: un appello agli architetti di tutto il mondo, a cui Iuav ha distribuito dei taccuini di disegno, dove immaginare e disegnare possibili scenari per la ricostruzione.

 

Dei 153 taccuini, 53 sono giunti direttamente da architetti siriani a Damasco, Aleppo, Hama, Latakia e Tartus, e mostrano la forza propositiva dell’architettura.

 

Il valore positivo dell’iniziativa č che la ricostruzione inizia quando si incomincia a pensare al futuro in termini positivi, di pace. Gli architetti hanno voluto comunque lasciare un segno: ripercorrendo viaggi passati o immaginari, tracciando ipotesi di futuro, riflettendo sul dramma dei profughi e dei migranti, scegliendo la provocazione artistica, usando la matita come arma di pace.

Č il nuovo valore riconosciuto alla mente che anticipa, al pensiero progettante, che ha casa allo Iuav, che vuole essere un baluardo di resistenza umanistica.