Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

Paola Fortuna

 

Immagine che contiene persona, interni, donna, tenendo

Descrizione generata automaticamente

docente a contratto

settore scientifico-disciplinare

ICAR/13 Disegno industriale

 

Dipartimento di Culture del progetto

 

contatti

paola.fortuna@iuav.it

 

orario di ricevimento

su appuntamento

 

 

interessi di ricerca

design per il sociale, identità visiva, sistemi informativi e di allestimento di ambiente, editoria per l’arte contemporanea

 

 

Paola Fortuna, architetto e designer, lavora attualmente tra Venezia, Trieste e Parigi. Laureata in architettura a Venezia, esordisce nel campo del visual design nel 1999, per poi fondare a Trieste lo studio +fortuna. L’attività professionale è affiancata dalla didattica e dalla ricerca fin dal 2003 all’Università Iuav di Venezia, dove oggi è docente di design della comunicazione.

 

Si occupa di grafica editoriale, identità visiva, progetti espositivi. Sviluppa sistemi di orientamento, segnaletica e allestimenti per importanti aziende francesi (Dior, LVMH – Louis Vuitton Moët Hennessy, Foncière de l’Erable). Progetta sistemi identitari per l’arte contemporanea: fra gli altri il Millesgården Museum di Stoccolma, il MAD di New York, il Beirut Exhibition Center, l’Hermitage di San Pietroburgo. Opera nella comunicazione per il sociale, la storia e gli archivi e per la valorizzazione del territorio. Si dintinguono: Giornata Nazionale dei Piccoli Musei, Gallerie dell’Accademia di Venezia, L’Aquila 2009, Fondazione Isec, Milano.

 

È stata premiata dall’International Institute for Information Design nel 2011, ricevendo con un gruppo di ricerca Iuav il Grand Prix e nel 2020, vincendo con l’Università Iuav di Venezia e lo studio +fortuna, Gold, Silver e Bronze Prize nelle categorie Sustainability, Editorial, Social affairs e Universal design. I suoi lavori sono stati esposti in sedi prestigiose tra cui la Triennale di Milano, selezionati dall’Aiap Women Design Award e più volte pubblicati nell’ADI Design Index.