Programma docente fAR 2003-4

 

SEMINARIO GRANDI COMPLESSI: L’ACROPOLI D’ATENE E I SUOI DINTORNI (ICAR-18

Anno di corso: 1°- 2°

Ore di attività in aula 25

CFU: 2

 

MONICA CENTANNI-ALBERTO FERLENGA-PAOLO MORACHIELLO

 

 

Abstract

La collina dell’Acropoli non è soltanto il luogo in cui furono costruiti e ricostruiti alcuni degli edifici più importanti dell’architettura dell’occidente, un modello per gli architetti di ogni tempo, una sfida per i problemi della conservazione; è anche un caso paradigmatico dei diversi significati e delle diverse forme di riuso assunte nelle varie fasi della sua storia, dal disegno di Pericle del V secolo a.C. fino agli interventi di Dimitris Pikionis nel XX secolo.

 

Collocazione nel progetto formativo

 

 

obiettivi

Il seminario dedicato all’Acropoli di Atene  un mito alle origini della civiltà dell’Occidente  assume programmaticamente una connotazione sperimentale: architetti e storici dell’Architettura dialogano nell’intento di ricostruire le vicende nel passato e nel presente del sito e dei suoi monumenti, di riconoscerne i possibili significati, di disegnare il profilo della sua attualità. Si procede di pari passo con lo studio della storia (nel pieno rispetto delle logiche “disinteressate”, della disciplina), e con l’eposizione di esperienze e di idee progettuali sempre ispirate da suggestioni o poetiche “di parte”) che intervengono sull’area o nei dintorni del complesso, nei limiti del rispetto della monumentalità del luogo. Obiettivo del seminario è mettere in scena l’eterna dialettica tra storia e progetto, per comprendere la relazione problematica e inquieta tra le due attività: le domande che la storia pone, comunque e continuamente, al fare, le interrogazioni che il progetto pone all’interpretare

 

contenuti

Analisi delle vicende urbane della collina e delle sue adiacenze, delle forme degli edifici scomparsi e di quelli ancora esistenti, dei significati dei cicli scultorei ritrovati e ricomposti, della trasformazioni subite dagli edifici nei passaggi da un’epoca all’altra.

Ricognizione sulle fonti iconografiche e letterarie relative alla storia degli edifici.

Considerazioni dei progetti, delle tecniche, e dei modi di restauro e di conservazione e conoscenza dei materiali e cause del loro degrado.

 

modalità d’esame

lo studente dovrà dar prova di aver acquisito le conoscenze di cui sopra presentando un portfolio personale di scritti e disegni,  con illustrazione e approfondimento di un tema a scelta tra quelli trattati.

 

bibliografia di riferimento

Rhys Carpenter, Gli architetti del Partenone, Einaudi, Torino 1979.


Salvatore Settis (a cura di) L’eco dei marmi Donzelli, Roma 2004.

Alberto Ferlenga (a cura di) Dimitris Pikionis, Electa 2000.

Mary Beard, Il Partenone, Laterza, Roma-Bari, 2004.

 

dispense del corso fornite dai docenti

 

orario e modalità di ricevimento