Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

Gianna Riva

 

professore associato

settore scientifico-disciplinare
Icar 12 Tecnologia dell’architettura

 

Dipartimento di

Culture del progetto

 

contatti

tel +39 041 257 1949

fax +39 041 257 1927

gianna.riva@iuav.it

 

orario di ricevimento

su appuntamento

 

 

interessi di ricerca

caratteristiche costruttive dei manufatti industriali e appropriatezza delle scelte tecnologiche per il recupero e la valorizzazione

 

 

Laureata in architettura presso lo Iuav di Venezia nel 1970. Professore associato di Tecnologia dell’Architettura (Icar 12) dal 1983, č titolare dei corsi di Progettazione di Sistemi Costruttivi e di Cultura Tecnologica della Progettazione nel Corso di studio triennale in Scienze dell’Architettura (Clasa) e del Laboratorio di Laurea del Corso di Laurea Magistrale di Sostenibilitą (Clasarch) dell’Universitą Iuav di Venezia.

 

Collabora dal 1970 all’attivitą di ricerca sperimentale del Laboratorio di Scienza delle Costruzioni dello Iuav, prima in qualitą di tecnico laureato e dal 1983 in qualitą di collaboratore continuativo e di corresponsabile della gestione, quale membro del Comitato Scientifico del LabSCo. Dal 1993 al 1995 ha diretto il Laboratorio sperimentale prove non distruttive del Dipartimento di Scienza e Tecnica del Restauro, curando in particolare la messa a punto di programmi di prove sperimentali per la corretta formulazione degli interventi di recupero delle vecchie murature (di laterizio e di pietra) e per il controllo della loro efficacia, avviando collaborazioni poi proseguite con l’universitą di Wismar (RFT) e con il Laboratorio Sperimentale della Facoltą di Ingegneria dell’Universitą di Padova.

 

Nell’ambito dell’attivitą del Master di 2° livello in Conservazione, Gestione e Valorizzazione del Patrimonio Industriale (istituito nell’anno accademico 2001/2002) dall’Universitą degli Studi di Padova, dall’Universitą Iuav di Venezia e dal Politecnico di Torino) svolge a tutt’oggi ricerche di approfondimento sulle caratteristiche costruttive dei manufatti industriali del nostro territorio e sulla appropriatezza delle scelte tecnologiche per il recupero e la valorizzazione, collaborando anche con il Politecnico di Torino a pubblicazioni specifiche sul progetto di recupero sostenibile.

 

Ha al suo attivo oltre 140 pubblicazioni tra testi e saggi su riviste di settore nazionali e internazionali.