Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

Sara Di Resta

 

ricercatore

settore scientifico-disciplinare
Icar 19 Restauro

 

Dipartimento di

Architettura Costruzione Conservazione

 

Contatti

tel +39 041 257 1279

sara.diresta@iuav.it

 

orario di ricevimento

su appuntamento

 

 

interessi di ricerca

il progetto per il costruito; il rapporto tra antico e nuovo in architettura; la conservazione del patrimonio del XX secolo; la conservazione dei materiali di produzione industriale

 

 

Sara Di Resta (Latina 15.12.1979) si laurea con lode all'Università Iuav di Venezia, prima in Storia e Conservazione dei Beni Architettonici e Ambientali (2003) poi in Architettura per la Conservazione (2005). È dottore di ricerca in Conservazione dei Beni Architettonici con tesi su “Il linguaggio dell'architettura contemporanea per il restauro” (2010).

Dal 2010 è docente di restauro architettonico negli atenei di Trento, Bologna e Venezia. Dal 2013 è ricercatore TD-A di restauro architettonico all'Università Iuav di Venezia.

 

È autrice di volumi e saggi dedicati alla conservazione del patrimonio del XX secolo e al rapporto tra Antico e Nuovo in architettura. Ha fatto parte del programma PRIN 2007 “Danni bellici e restauro”. Ha partecipato a convegni nazionali e internazionali tra i quali "Modernist Neighborhoods: Conservation/Regeneration" (EAAE, Bucarest, 2011), “V Laboratorio Internacional de Restauración Arquitectónica y Recuperación Urbana” (Baeza, 2012), “14th International Docomomo Conference” (Lisbona, 2016).

Tre le sue pubblicazioni più recenti, la monografia “Le «forme» della conservazione. Intenzioni e prassi dell’architettura contemporanea per il restauro”, edita nella collana Antico/Futuro, Gangemi, 2016.

 

Svolge le sue attività esclusivamente nel campo del restauro: tra le sue collaborazioni l'intervento di restauro dell’ex Panificio Santa Marta a Verona, del Tempietto Barbaro di Andrea Palladio a Maser, il piano di salvaguardia dell'area prospiciente la Cattedrale di Jaén. Fa parte del gruppo vincitore del concorso internazionale MUDI Nuovo Museo degli Innocenti a Firenze e del concorso per la valorizzazione dell’area archeologica dei Fondi Cossar ad Aquileia. Tra il 2011 e il 2013 svolge attività di collaborazione per ICCD (MiBACT).

 

Dal 2013 è membro della società scientifica SIRA onlus – Società Italiana per il Restauro Architettonico.

Nel 2017 consegue l’Abilitazione Scientifica Nazionale per il ruolo di Professore Associato (II fascia) nel settore concorsuale 08/E2 (Restauro e Storia dell’architettura).

È medaglia d’oro del Premio Internazionale Domus Restauro e Conservazione “Fassa Bortolo” (Theses Supervisor, 2017).