Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

Masieri

 

Dorsoduro 3900

30123 Venezia
telefono 041 5237860

 

 

 

sede di
Fondazione Masieri

 

storia
La storia della Fondazione Masieri è per molti aspetti emblematica delle difficoltà che iniziative di apertura culturale hanno avuto nella storia cittadina.

Angelo Masieri, architetto udinese di sicure promesse, morì tragicamente nel 1952 negli Stati Uniti, dove stava lavorando con Frank Lloyd Wright.

L’impegno del grande maestro americano di progettare una casa in Volta de Canal per Masieri e la giovane moglie, si trasformò – per volontà della famiglia – nel “Masieri Memorial”, una fondazione/foresteria per studiosi e studenti di architettura. Il progetto non ottenne mai i permessi necessari e non fu realizzato.

Nel 1968, un nuovo incarico fu affidato a Carlo Scarpa; tra opposizioni e difficoltà, l’architetto veneziano si vide approvare solo nel 1973 un progetto che manteneva inalterata la facciata sul Canal Grande (come da vincolo prescrittivo), rivoluzionandone l’interno.

La facciata vincolata viene infatti staccata dai solai, mediante ampi tagli, e le altezze dei piani vengono contenute per ottenere un ulteriore piano abitabile.

Alla morte di Scarpa, avvenuta nel 1979, l’opera risultava parzialmente eseguita al grezzo; il suo completamento è attuato da alcuni collaboratori, fra cui l’arch. Franca Semi e l’ing. Maschietto, direttore dei lavori.

Nel frattempo, data la limitatezza dei mezzi a disposizione da parte della Fondazione, si modifica sostanzialmente la destinazione dell’edificio, senza poter dar luogo a molte parti del progetto scarpiano originario.

L’inaugurazione di Ca’ Masieri è avvenuta nel gennaio 1983.

Sede per molti anni dell’Archivio Progetti Iuav e di mostre di architettura.