Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

Omaggio di Venezia a Palmyra تدمر

 

canto per immagini,

parole, suoni

 

 

martedì 15 dicembre 2015

Venezia, Tolentini, aula magna

ore 19.30

 

 

azione teatrale

video testi musiche

dedicata a

Khaled Al Asaad

 

 

con Stefano Scandaletti

musica dal vivo di

Domenico Calabrò

 

 

evento aperto alla cittadinanza

entrata libera

 

 

 

Non c’è cosa nella vita pari al mio amore per Palmira.

Su questa terra ho vissuto, in questa culla ho dedicato tutti i miei sforzi per quarantacinque anni agli scavi, ai restauri, alla pubblicazione della sua storia [...].

Sono nato vicino al Tempio di Bel – il santuario principale dedicato al dio locale.

Ho passato tutta la mia vita qui; sarebbe ridicolo e vile lasciare la città in questo momento.

Khaled Al Asaad, primavera 2015

 

 

Palmyra, il paesaggio del deserto incluso e configurato in forma di città; linea di incontro tra civiltà, per secoli luogo di accoglienza di un’umanità multietnica e multiconfessionale, simbolo storico della commistione culturale tra Oriente e Occidente riflessa nella bellezza delle sue pietre diversamente scolpite.

 

Venezia rende omaggio a Palmyra, con un evento promosso dalll'Università Iuav in cui immagini, parole e suoni si intrecciano a evocare una storia che ha al centro la mitica città: un racconto sulla capitale "invisibile" di una civiltà mediterranea che sfonda i confini incerti di Oriente e Occidente, che ha come protagonista un uomo, Khaled Al Assad, assassinato per aver cercato di difendere le pietre della "sua" – della nostra – Palmyra.

 

Palmyra: un tragico avamposto del sommovimento che sta sconvolgendo la geopolitica del Mediterraneo e dell'Europa e che ha avuto nell'ultimo anno altri tragici epicentri: dall'attacco al Museo del Bardo a Tunisi, ai recenti fatti di Parigi, ma anche il dramma anonimo delle migliaia di migranti dispersi nelle acque di un Mare Nostrum trasformato nello spettrale scenario di una guerra non dichiarata tra nord e sud del mondo.

 

Un montaggio video (materiali storici e filmati inediti), con incastonati brani di musica dal vivo e lettura teatrale di testi storici e letterari; un racconto articolato per capitoli: La via di Palmyra; Zenobia, la  regina: Palmyra modello di città. Uomini e pietre; Teatro di guerra: la bellezza che non salva; Senza dio; La città invisibile (con testi di Khaled Al Asaad, Cesare Brandi, Historia Augusta, Marguerite Yourcenar, Christine de Pizan, Boccaccio, Plinio, Leon Battista Alberti, Jacques Prevert, Ezra Pound, Italo Calvino).

 

Venezia offre a Palmyra un canto, il piccolo omaggio di frammenti di memoria. Perché assassino è chi uccide e chi distrugge, ma anche chi, distrattamente, ignora e dimentica.

 

 

questo lavoro è dedicato

a Khaled Al Asaad che ha difeso con la vita

la sua – la nostra – Palmyra

e alle altre 35.303* vittime civili – islamici, cristiani, laici – cadute nel corso del 2015 – per bombardamenti, guerre sul terreno, attacchi terroristici, naufragi – per il sommovimento geopolitico in atto

 

22.329 in Asia Minore (Siria, Iraq, Libano, Turchia, Yemen | a Damasco, Homs, Hama, Aleppo, Deir El Zor, Palmyra, Raqqa, Baghdad, Mosul, Ninive, Beirut, Ankara, Sana'a, Aden)

 

9.615 in Africa (Libia, Egitto, Tunisia, Nigeria, Camerun, Mali, Kenya, Somalia | a Tripoli, Misurata, Bengasi, Sirte, Il Cairo, Sham el Sheikh, Lagos, Maroua, Bamako, Nairobi, Malindi, Mogadiscio)

 

148 in Europa per attentati (Francia, Danimarca | a Parigi, Copenaghen)

 

224 nel cielo del Sinai

 

2987 nel Mar Mediterraneo cercando Occidente

 

*stime ufficiali (le cifre reali non sono computabili)

 

 

a cura di

Monica Centanni e Marco Bertozzi

ricerche e montaggio video | Caterina Shanta

collaborazione testi e drammaturgia | Daniela Sacco

collaborazione per i testi arabi di Mahmoud Al Helou

 

aderiscono

– Ateneo Veneto

– FAI

– Museo archeologico di Venezia

– Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per Venezia e Laguna

– Università Ca’ Foscari Venezia