Undergraduate and graduate programmes offered by the University iuav of Venice:

Officina Iuav 1925-1980

Saggi sulla scuola di architettura di Venezia

 

Presentazione del volume edito da Iuav / Marsilio, gennaio 2012

 

a cura di

Guido Zucconi

e Martina Carraro

 

saluti

Amerigo Restucci

rettore Iuav

 

intervengono

Claudia Conforti

Universitą di Roma Tor Vergata

Francesco Cellini

Universitą degli studi Roma 3

 

saranno presenti gli autori

 

 

giovedģ 29 marzo 2012

aula Tafuri

ore 17.00

 

con l’occasione, sarą presentato il giornale d’Ateneo n. 110

Cronache dai Tolentini. Studenti, docenti, luoghi 1964-1975

a cura di Martina Carraro e Michela Maguolo

 

In questa raccolta di saggi sono stati messi in luce alcuni momenti fondamentali della storia dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, oggi Universitą  Iuav di Venezia: lo stesso che, a partire dal secondo dopoguerra, si guadagna la qualifica di «scuola dissidente», ovvero luogo di opposizione, culturale e politica, ai modelli consolidati di accademia.

 

La vicenda si distende lungo un arco temporale di quasi settant’anni, spingendosi oltre quella presunta “etą d’oro” – tra gli anni cinquanta e sessanta – su cui finora si č maggiormente concentrato l’interesse degli studiosi. Di quella fase, cronologicamente centrale e coincidente con la direzione di Giuseppe Samoną, sono stati privilegiati gli aspetti pił caratterizzanti, legati alla formazione di un originale profilo didattico-culturale. Ampio spazio č poi dedicato al rapporto architettura-cittą, letto sia attraverso la produzione teorica in tema di analisi urbana, sia attraverso l’impegno diretto sul campo, al fianco delle istituzioni cittadine e degli organi locali. 

 

Nella prima e nella terza parte del volume sono stati esplorati terreni poco o per nulla frequentati: da un lato le ricerche sugli inizi della Scuola Superiore, con riferimento al periodo che ne precede l’istituzione – associato al primo direttore Giovanni Bordiga – e ai contenuti della didattica nella fase in cui la scuola, guidata da Guido Cirilli, si svincola definitivamente dall’Accademia di Belle Arti. In questo frangente si inquadra anche la comparsa di Samoną e Trincanato che, dalla cattedra del corso di “Elementi di architettura e rilievo dei monumenti”, disegnano per primi un percorso didattico centrato sul rapporto tra architettura e contesto urbano. 

 

La sezione conclusiva č invece dedicata agli anni settanta del Novecento, caratterizzati dall’ingresso di una nuova generazione di insegnanti, dalla ridefinizione delle discipline in senso autonomo e dallo sforzo di adeguare la scuola ai grandi numeri dell’universitą di massa. Le rivendicazioni del movimento studentesco anticipano e accompagnano l’uscita di scena di Samoną, “salutata” paradossalmente con l’istituzione del corso di laurea in Urbanistica; si aprono allora le porte al nuovo progetto politico-culturale di Carlo Aymonino che conduce lo Iuav a una radicale ristrutturazione, emblematicamente riassunta nella costituzione, ante litteram, dei dipartimenti.

Ciņ che emerge da questo lavoro collettivo, costruito per segmenti significativi, č appunto l’Officina Iuav: un “cantiere” costantemente in fieri, popolato da protagonisti che si alternano e da orizzonti disciplinari che cambiano, sullo sfondo di assetti istituzionali anch’essi in continuo movimento.

 

comunicato stampa >>

leggi l’articolo apparso sulla Nuova Venezia >>