collezioni

Giancarlo De Carlo

Giancarlo De Carlo. Incontri

Un maestro Iuav

 

 

Giancarlo De Carlo.

Schizzi inediti
Tolentini, Galleria del rettorato

a cura di Anna De Carlo

e Giacomo Polin

con Francesca Galimberti, Giacomo Gatto e Pierpaolo Tonin

 

Forme di corrispondenza. Disegni e fotografie

Tolentini, Galleria del rettorato

e Aula Magna

a cura di Lorenzo Mingardi

 

L’officina del progetto.

I modelli dell’archivio di Giancarlo De Carlo

Cotonificio di Santa Marta,

Archivio Progetti

a cura di Riccardo Domenichini

 

 

inaugurazione

21 ottobre 2016

ore 15

Tolentini, aula magna

 

21.10.16 > 11.01.17

 

Tolentini

Aula Magna e Galleria del rettorato

 

Cotonificio

Archivio Progetti

 

orario

lunedý - venerdý 10.30>17.30

 

 

 

Dopo la mostra dedicata a Carlo Scarpa, l'UniversitÓ Iuav di Venezia festeggia i suoi novant'anni con l'omaggio a un altro dei suoi maestri, Giancarlo De Carlo: architetto, urbanista, docente in questa Scuola dal 1955 al 1983 e appassionato protagonista del dibattito architettonico nazionale e internazionale.

Tre mostre, allestite nelle sedi Iuav ai Tolentini e al Cotonificio, indagano aspetti diversi della personalitÓ di De Carlo.

 

"Schizzi inediti" raccoglie i suoi disegni privati, quali scrittura e indagine libera sui temi dell’architettura. Un ricordo sentimentale oltre che una mostra di architettura, un piccolo omaggio all’immagine meno conosciuta e pi¨ personale di Giancarlo De Carlo.

 

"Forme di corrispondenza. Disegni e Fotografie" espone i disegni originali e i documenti di opere essenziali di De Carlo (i collegi universitari di Urbino e il Villaggio Matteotti, frutto di un intenso processo partecipativo) e riunisce le immagini attraverso le quali i maestri della fotografia italiana hanno raccontato queste stesse opere. In mostra foto di Gabriele Basilico, Giorgio Casali, Cesare Colombo, Toni Garbasso, Mimmo Jodice e Italo Zannier.

 

"L’officina del progetto" espone i molti plastici, soprattutto di lavoro, che testimoniano il processo di ricerca condotto nell’elaborazione progettuale.

La mostra restituisce al pubblico per la prima volta quasi sessanta plastici, dopo il loro restauro.

 

guarda la fotogallery su FaceBook >>

 

rassegna stampa >>