collezioni

Archivio Luigi Vietti

Archivio Luigi Vietti

 

 

 

 

 

 

Nel 2021 l’UniversitÓ Iuav di Venezia ha ricevuto in comodato d’uso l’archivio dell’architetto Luigi Vietti (Studio professionale di Genova).

 

Luigi Vietti (Cannobio, 13 febbraio 1903 - Milano, 28 marzo 1998) si iscrive nel 1923 alla FacoltÓ di Ingegneria a Milano; nel 1925 si trasferisce a Roma dove si laurea con lode in architettura alla Scuola di Architettura di Roma (oggi UniversitÓ degli Studi di Roma “La Sapienza”) nel 1928.

Si avvicina al razionalismo e, pur non aderendo al Movimento Italiano per l’Architettura Razionale (MIAR), partecipa alle Esposizioni di Architettura Razionale del 1928, 1931 e 1932. Dal 1931 Ŕ ispettore onorario per i Monumenti della Liguria; tra i suoi progetti degli anni Trenta si evidenziano: il concorso di primo grado per il Palazzo del Littorio di Roma (1934), il concorso per la Casa del Fascio di Oleggio con Ignazio Gardella (1934), il concorso per il nuovo Auditorium di Roma (1935), la Casa del Fascio di Rapallo (1937).

Nel secondo dopoguerra realizza numerose abitazioni nelle nascenti localitÓ turistiche italiane, quali Cortina d’Ampezzo, Sanremo e Portofino. A Venezia, dal 1950 al 1953, Vittorio Cini gli commissiona il recupero dell’ex convento benedettino dell’Isola di San Giorgio Maggiore e la sua trasformazione nella sede della Fondazione Giorgio Cini; con Angelo Scattolin edifica il Teatro Verde con i materiali accumulati nel corso dei lavori di restauro.

A partire dagli anni Sessanta realizza numerosi interventi in Costa Smeralda: il borgo di Porto Cervo, Hotel Pitrizza, Cala del Faro, le lottizzazioni di Romazzino e Cerbiatte.

 

L’archivio di Luigi Vietti (Studio professionale di Genova) consiste in circa 100 rotoli, 250 cartelline di documentazione, 100 nastri audio e video, 3 modelli e alcuni contenitori di diapositive.

 

In attesa di ordinamento. Per maggiori informazioni, contattare l’Archivio Progetti via email archivio.progetti@iuav.it.